fotogallery




Ragusa

Riserve naturali - Siti archeologici

Riserva naturale Macchia Foresta del Fiume Irminio
Istituita nel 1985 dall'Asserorato Regionale Territorio e Ambiente, insiste intorno alla foce del fiume Irminio in territorio di Ragusa e Scicli. Il territorio è costituito da una zona costiera che si affaccia sul Mar Mediterraneo con coste sabbiose ma anche con falesie strapiombanti in mare. Le dune mobili spostate dai venti danno al territorio un aspetto variabile nel tempo.
La flora è costituita prevalentemente da macchia mediterranea e presenta un campionario piuttosto vasto di vegetazione nella quale si distinguono le seguenti specie: lentisco, calcatreppola, giglio di mare, salsola, ravastrello, efedra, ginepro e molte altre. Lungo le rive del fiume, avente andamento torrentizio, si possono trovare piante di alto fusto costituenti la foresta di cui al nome della riserva. Le piante più presenti sono il pioppo ed il salice oltre che a qualche eucaliptus. Le piccole falesie degradanti verso il mare sono popolate da agave, palma nana e timo.

La fauna è costituita, per la maggior parte, da uccelli migratori che usano la riserva come area di sosta durante la migrazione dall'Africa al nord Europa e viceversa. Fra le specie più numerose si ricordano: cavaliere d'Italia, martin pescatore, folaga, garzetta, poiana, cormorano, falco ed altri ancora. Nelle zone acquatiche si trovano rana e rospo mentre nelle zone sabbiose è presente il ramarro ed il biacco. In tutti i terreni che vanno verso l'interno si possono poi trovare qualche esemplare di volpe e coniglio selvatico. Merita infine una menzione la presenza della nutria, specie introdotta .

Riserva naturale integrale Cava Randello
Riserva naturale integrale Cava Randello Cava Randello, la spiaggia..jpg Stati Italia Italia Regioni Sicilia Sicilia Province Ragusa Ragusa Comuni Ragusa Superficie a terra 156.9 ha
La Riserva naturale integrale Cava Randello è un'area protetta ancora non riconosciuta dalla Regione Siciliana, situata fra punta Braccetto e Scoglitti in provincia di Ragusa. Descrizione È una fascia costiera ricadente sul territorio del comune di Ragusa costituita da una pineta affacciata sul mare e su di un arenile che costeggia una piccola insenatura della costa. Essa è situata vicino alla Riserva naturale Pino d'Aleppo ed ha una certa somiglianza con quest'ultima. In passato è stata una riserva di caccia privata. La flora presente nella riserva è costituita da un bosco di pini di diverse varietà oltre ad altre essenze arboree sia endemiche che di importazione. Fra le specie presenti si ricordano la quercia spinosa, il leccio, il lentisco, l'eucaliptus, il mirto, il cipresso e altre specie della macchia mediterranea. Nell'area della riserva si trovano delle rovine di alcune necropoli facenti parte del complesso archeologico di Kamarina.

Parco forestale Calaforno

Il Parco forestale Calaforno è un'area boschiva sita al confine fra il comune di Monterosso Almo e quello di Ragusa. Il sito Si tratta di un terreno collinare, digradante verso il mare, che è stato sottoposto, negli ultimi anni, ad un importante piano di rimboschimento facendolo divenire un polmone verde in una zona sassosa ed arida qual è quella circostante. L'intenzione è quella di farlo diventare un'area protetta regionale, ma l'iter presso la Regione Siciliana non è ancora completato. Un po' più a valle si trova la grotta di Calaforno dalla quale ha mutuato il nome l'area boschiva. Tale grotta è stata, in ere passate, una necropoli i cui resti sono ancora visibili all'interno.